La dura vita di una disoccupata.

Ormai non si parla d’altro che di lavoro, lavoro, lavoro. Ed io non sono da meno.

Il numero di curriculum che ho portato in giro per i negozi è esorbitante. Quelli che ho inviato online non li ricordo neanche più. E provate un po’ a indovinare quante offerte ho ricevuto finora….. il buio totale.

E io comincio a demolarizzarmi. Non che all’inizio non lo fossi, sono nata demoralizzata, non ci posso far nulla.

Le persone a cui ho dato il curriculum non mi hanno certo aiutata.

Certo te lo prendiamo il curriculum, come no! Però non ci sperare che adesso stiamo facendo un sacco di licenziamenti..

Ok, va bene, allora ridammelo… che me lo fai a fare quel sorriso finto e incoraggiante? Che poi alla fine glie lo lascio uguale perchè penso “non si sa mai”. Quindi in fondo sono tonta anch’io.

Poi provo su internet. Di annunci ce ne stanno, purtroppo però sono solo due tipi di lavoro, quelli in cui non si capisce cosa diavolo dovresti fare, tipo “Procacciatore di affari” o “Consulente di marketing” o altre cavolate simili. Tutti lavori in cui comunque la paga è misera o a contratto. Il secondo tipo di lavoro è quello più diffuso, è quel tipo di lavoro in cui serve per forza l’esperienza. Di tutti gli annunci che ho trovato quelli che mi ispiravano di più avevano sempre la stessa frase: “Si richiede esperienza di almeno due anni”. Tutti. TUTTI così.

E a me, e a un sacco di gente in realtà, viene sempre da chiedere come diavolo posso fare esperienza, se tutti chiedono esperienza….

Che poi non penso ci voglia una laurea a stare al banco dei salumi o alla cassa in un negozio di abbigliamento. Ok non l’ho mai fatto, ma quando serve imparo in fretta…

Di questo passo non so cosa farò. Per ora mi dovrò accontentare dei 100 al mese che prendo ora (anche se in realtà li prendo due volte l’anno). E il fatto che con una situazione così sono comunque molto più fortunata di molte altre persone mi fa, sinceramente, ribrezzo.

Io continuo a cercare. Ma la speranza è finita. L’ho data via insieme all’ultimo curriculum. Non so cosa ne avranno fatto a questo punto.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Perle di vita e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a La dura vita di una disoccupata.

  1. haruhis89 ha detto:

    Non demordere, è questo quello che si aspettano tutti, che ci si accontenta. Vai avanti anche quando hai poca convinzione, vedrai che verremo ripagate prima o poi. ^_^

  2. LeDueNellie ha detto:

    Allora siamo proprio sulla stessa barca! Da quanto ho capito però anche tu sei pronta a remare pur di riuscire a trovare un posticino quindi avanti marche e non demordiamo.. cosa ne faremo altrimenti dei nostri sogni?

  3. orastoleggendo ha detto:

    “Porta pazienza” diceva una mia zia… boh, che dire? Speriamo che la situazione migliori per tutti noi. Tieni duro e alla prossima! 😉

  4. lagocciachefa ha detto:

    Parti con il Servizio di Volontariato Europeo e manda affanc l’Italia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...