E tiriamole ‘ste somme!

È arrivato un nuovo anno, con una velocità assurda. No davvero, ieri non era febbraio? Mi ritrovo con le stesse paure e insicurezze di sempre…anche se forse sono un po’ mutate rispetto al solito…

È buffo, ma non ricordo minimamente cosa sia successo all’inizio del 2015, almeno fino alla fine di marzo, quando ho cominciato a lavorare a Perugia.
Vi ho già detto che quel lavoro mi ha cambiato la vita. Non mi piaceva tantissimo, e non guadagnavo nemmeno tanto, però mi ha fatta crescere sotto tantissimi aspetti. In più, grazie a quel lavoro ho conosciuto persone meravigliose, persone che, ne sono quasi certa, porterò nel mio cuore finché vivrò!

Dopo quel lavoro sono finita a fare la commessa. Non era un lavoro bellissimo ma guadagnavo bene, peccato il fatto che venivo decisamente sfruttata (molte volte ho dovuto fare da sola il lavoro di tre persone e si lamentavano che fossi lenta) e le colleghe erano pessime. È stato solo un mese, ma l’ho patito davvero tanto.

Se tanto mi da tanto alla prossima avrò colleghi pessimi, non guadagnerò tantissimo ma perlomeno sarà il lavoro della mia vita. E mi sta bene eh! Visto che a 23 anni non ho ancora capito dove cavolo voglio andare a finire, scoprire il lavoro della mia vita sarebbe un gran passo avanti.

E in realtà coincidenze simili me ne sono capitate spesso nella vita, anche se brutte, quindi magari potrei anche avere un minimo di speranza….
Se volete un esempio di queste coincidenze: l’ultimo anno d’asilo ho fatto un incidente con la bici spolpandomi una caviglia, l’ultimo anno delle elementari sono caduta col motorino insieme a mia sorella, l’ultimo anno delle medie sono stata investita da un’auto. L’ultimo anno delle superiori non è successo nulla ma l’ansia non mancava, anche perché quale sarebbe stato il prossimo step? Autobus? Treno? Aereo?

Ora sto continuando a cercare, ma ancora non si vede niente all’orizzonte. E l’ansia sale, e il fatto che tra 17 giorni avrò 24 anni non aiuta.

Che dire….quello che è successo nel 2015 è solo questo. È alquanto triste lo scandire la propria vita in base al lavoro…perché è quello che sto facendo…

Non so cosa accadrà quest’anno, e la cosa un po’ mi spaventa. L’unica cosa certa è che ad aprile io e il mio ragazzo festeggeremo 7 anni insieme.
E cavolo se son tanti.
Quando lo dico tutti mi guardano con espressione stupita manco avessi recitato la Divina Commedia a memoria.
A me sembra ieri che ci siamo incontrati e mi sembrano passati secoli allo stesso tempo. È un po’ strano. Ma io sono strana quindi va bene.

Per finire, ne approfitto di nuovo per farvi i miei migliori auguri di buon anno, e vi ringrazio di nuovo perché continuate a seguire i miei sproloqui senza impazzire!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Altro, Perle di vita e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a E tiriamole ‘ste somme!

  1. Fannes ha detto:

    Sembra brutto regolarsi in base al lavoro, ma in fin dei conti io ci spendo 60 ore a settimana… 🙂

    • crostina ha detto:

      Si, mi rendo conto che non si può fare a meno di scandire la propria vita in base al lavoro, la mia tristezza era relativa al fatto che nel mio ultimo anno sembra successo solo quello…e adesso passo le giornate a cercarne un altro…quindi…boh…mi fa un po’ tristezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...