Malata di serie tv (parte XI) Broadchurch

Sono un po’ in ritardo per questo post, avendo concluso la serie qualche mese fa, ma diciamo che fino ad ora non avevo mai avuto l’ispirazione per farlo.
Ho cominciato questa serie perché…no vabé devo dirvelo? Cioè, insomma, l’avete capito da soli vero?

broadchurch1

Comunque, Broadchurch è un piccolo paesello marittimo, il classico posto un po’ noiosetto in cui tutti si conoscono e tutto è tranquillo, almeno fino a quando, una mattina, non viene ritrovato il corpo di un bambino, David Latimer, morto in circostanze misteriose. Solo il misterioso Alec Hardy, nuovo ispettore della polizia locale, riuscirà a risolvere il caso, insieme al sergente Ellie Miller, sua partner nonché buona amica della famiglia che ha subito la perdita del piccolo David.

broadchurch-101-episodeone-01

E’ insomma il classico giallo/thriller, l’intera stagione ruota attorno al delitto facendoti sospettare di ogni singolo personaggio. Questa è un’ottima cosa, e per niente scontata, per un thriller, perché ti permette di tenere sempre attivo il cervello per cercare di capire quale sia il vero colpevole. C’è anche una piccola sottotrama sul misterioso quanto silenzioso Alec (dico un altra volta misterioso? ma si dai! misterioso!).

broadchurch-cast

 

C’è anche una seconda stagione che, anche se rimane un filo conduttore con la prima, si concentra proprio sul personaggio e sul passato di Alec. Devo dire però a malincuore che non regge il confronto con la prima, e la cosa mi dispiace perché c’erano i requisiti per una bella stagione. Purtroppo non c’era lo stesso mistero (aridaglie) che ti teneva incollato allo schermo nella prima parte, anzi, mentre li i miei sospetti sono andati a destra e a manca per tutti gli 8 episodi, qui avevo più o meno capito già al terzo episodio come sarebbe andato a finire. E’ in produzione anche una terza stagione, che ovviamente guarderò, ma non so bene cosa aspettarmi sinceramente….

broadchurch_ep03_10

Questa serie, però, è decisamente piaciuta agli americani, che l’hanno rifatta appunto in america, tale e quale, mantenendo Tennant come protagonista ma cambiando il titolo in Gracepoint. Non ho visto la serie e non ho nemmeno intenzione di farlo (anche se la sola presenza di Tennant sarebbe un buon motivo), ma sinceramente non capisco questa mania degli americani di prendere una serie o un film e ricopiarlo per filo e per segno. Come quando hanno trasformato la divertentissima commedia Funeral Party in una trashata inguardabile…ma vabè non ci devo pensare….

Una piccola curiosità, se così si può definire, è che Broadchurch è pieno zeppo di attori (tutti bravissimi a proposito) che sono comparsi in Doctor Who, il che mi ha fatto pensare che, appunto, Doctor Who sia la versione britannica di CSI, visto che sembra che, nel mondo delle serie tv americane, un attore non sia degno di essere chiamato tale se prima non ha fatto una comparsa in CSI!

broadchurch

Per finire, non so se consigliarvi o meno questa serie. E’ molto carina e ci sono, come ho già detto, ottimi attori, ma allo stesso tempo non è una serie che vi raccomanderei caldamente…diciamo che se non avete di meglio da vedere…ecco! Poi se siete amanti di Tennant come me è praticamente d’obbligo, anche perché oh, anche se lo preferisco con meno barba…è sempre un bel vedere!

140219_p79na_alec_hardy_broadchurch_sn635

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Malata di serie tv (parte XI) Broadchurch

  1. Orso Chiacchierone ha detto:

    Lui mi è piaciuto molto in Jessica Jones, davvero un’ottima prova.
    Mi hai incuriosito!

  2. Il SeriALE ha detto:

    Secondo me, al di là di Tennant che è sempre ottimo, è una serie da consigliare agli amanti del giallo puro. La prima stagione è sostanzialmente un romanzo giallo classicissimo, ed estremamente godibile. Lontano dal capolavoro, ma secondo me molto sopra la media. La seconda è diversa strutturalmente, ma secondo me non così tanto più scarsa come invece mi par di capire che la giudichi tu. Non c’è più un delitto, ma le sue conseguenze al centro della narrazione, e le carte sono scopertissime. Mi hanno colpito molto le emozioni dei personaggi, più di quanto avessero fatto nella prima stagione. In ogni caso ottimo articolo! 😀

    • crostina ha detto:

      Non è che la trovassi scarsa, ma semplicemente mi mancava il mistero della prima stagione e mettendole a confronto la seconda stagione, secondo me, è decisamente un gradino sotto.
      Grazie mille comunque! 🙂

  3. Doppia W ha detto:

    Broadchurch, una serie con i contro biiiip! Superconsiglio!

  4. LaLetteraVi ha detto:

    a me è piaciuta tantissimo, sia la prima che la seconda! e aspetto la terza trepidante 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...