Malata di serie tv (parte XVIII) WestWorld

Ma secondo voi devo continuare con sti numeri romani? Che tra un po’ saranno più lunghi del titolo….


Non volevo guardarla questa serie, proprio no, non mi ispirava, ed era una cosa estremamente stupida perché avevo deciso che non mi ispirava basandomi solo sul titolo…WestWorld…naaa, pensavo, i western non mi sono mai piaciuti, io non lo guardo.

Darei uno schiaffo alla me del passato!

Poi per fortuna un giorno il mio ragazzo fa “Guardiamo WestWorld” “Ma non mi ispira” “Lo guardiamo uguale!” ci ha messo più o meno un paio di settimane a convincermi, e per fortuna, perché questa è una delle migliori serie che io abbia mai visto!

Lui mi ha un po’ odiato ma c’è da dire che io ci ho messo 5 anni per convincerlo a guardare Lost, che è poi diventata una delle sue serie preferite, quindi ha anche patito poco!

Westworld è una serie prodotta dall’HBO, la stessa casa produttrice di Game of Thrones, e come quest’ultima ha una delle sigle più belle di tutti i tempi! Mi aspettavo anche lo stesso livello di porno (it’s not porn, it’s HBO) di Game of Thrones e invece ci sono andati piano…strano!

Cos’è Westworld?

Westworld è un parco divertimenti (se così si può chiamare) creato dalle menti geniali di Arnold (di cui non si conosce il cognome) e Robert Ford, interpretato da un Anthony Opkins mostruoso!

Questo parco, ambientato, come si evince dal nome, nel farwest, è popolato da androidi umanoidi, incredibilmente realistici, ognuno con la propria trama, che può cambiare in base alle esigenze, ognuno con il proprio carattere, ognuno con il proprio background, in una recita inconsapevole e senza fine atta a soddisfare i bisogni e i desideri dei clienti, che sborsano fior fior di dollari per passare il loro tempo nel parco, per godersi un’avventura in famiglia o, la gran parte, per sfogare le proprie perversioni.

Non parliamo insomma del Far West Valley di Mirabilandia ecco…

Le cose cominciano a farsi interessanti quando alcuni degli androidi cominciano a comportarsi in un modo strano, a cominciare da Dolores, che comincia a cambiare la propria trama senza quasi rendersene conto, e da Maeve, che invece prende totalmente coscienza di quello che è, di quello che è stata, di dove si trova.

È una storia molto particolare arricchita da personaggi incredibili, come l’uomo in nero, “the man in black” interpretato da mio padre Ed Harris (ovvero la copia sputata di mio padre!), un personaggio stupendo, molto enigmatico e dalla storia sorprendente, o Clementine, personaggio che (oltre ad aver fatto vacillare la mia eterosessualità) sembra inizialmente inutile ma sarà invece un punto molto importante per la storia di Maeve.

Tutti i personaggi, in generale, sono caratterizzati benissimo, non c’è un personaggio che sia piatto o noioso (a parte forse un po’ Teddy, ma alla fine si riprende!).

I colpi di scena sono sensazionali, mai scontati, o almeno, per me non sono stati scontati, mi hanno lasciato a bocca aperta anche se ci sono arrivata sempre appena un minuto prima della “rivelazione”.

Insomma per me è una serie perfetta, faccio davvero fatica a trovarle un difetto, ed è chiaramente entrato a far parte delle mie serie preferite! Dicono che uscirà una nuova stagione, la aspetto con ansia!

Come al solito, datemi il vostro parere! (non so mai come concluderle ste “recensioni”)

p.s. è un po’ che non aggiungo più personaggio/episodio preferito, perché mi sembrava una parte superflua e poco interessante, ma non sono ancora sicura di questa cosa, quindi, se volete, ogni consiglio è ben accetto!

Tale e quale a mio padre! Separati alla nascita!

Tale e quale a mio padre! Separati alla nascita!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Malata di serie tv (parte XVIII) WestWorld

  1. RizaHawkeye89 ha detto:

    Riccardo insiste per farmi fare il cosplay di Dolores. xD

  2. Orso Chiacchierone ha detto:

    È stato lo stesso per me, non ero convinto ma dopo aver visto la prima puntata non sono più riuscito a fermarmi!
    Anche io non sono riuscito subito a capire tante cose ma sono contento così, mi sono goduto di più i colpi di scena!

  3. knit or read ha detto:

    mai vista ma mi hai intrigato! è su netflix? no eh? troppo comodo per me? ihihihh
    cmq mentre leggevo mi è saltata all’occhio qualche assonanza con Dollhouse, serie che ho a dir poco adorato e che è stata, secondo me, molto sottovalutata. L’hai vista?

    • crostina ha detto:

      Purtroppo non è su Netflix 🙁 questa in effetti è l’unica pecca!
      Dollhouse non l’ho mai nemmeno sentita nominare, ma adesso mi informo!

      • knit or read ha detto:

        Guardala se riesci, sono solo due stagioni con un episodio speciale (importantissimo!!!) tra la prima e la seconda. Sembra poco complessa all’inizio ma quando lasci che la trama si dipani riserva belle soddisfazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...